Chiusura del 69° Capitolo Generale

 

Oggi  5 febbraio 2019 si conclude il 69° CapitoloGenerale dell’Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Dio.

 

I78 Capitolari lasceranno Roma dopo 3 settimane di intenso lavoro, che hannoportato a redigere le proposte che guideranno il prossimo sessennio, ormaiprossimo ad iniziare. Il nuovo Governo Generale, recentemente eletto, così comei Superiori Provinciali, saranno incaricati di declinare le linee d’azione chesono state definite e che dovranno essere parte di un piano d’azione a livellogenerale, regionale e locale.

 

Questelinee d’azione e il messaggio di Papa Francesco costituiranno “ il corpo fondamentale che guiderà il GovernoGenerale negli anni a venire” – ha sottolineato Fra Jesús Etayo nel suodiscorso di chiusura del Capitolo. “Miauguro che i risultati della nostra assemblea capitolare porteranno buonifrutti per il futuro, e apriranno uno spazio di luce e di speranza per laChiesa e per i membri della nostra Famiglia di San Giovanni di Dio”.

 

“Percostruire l’ospitalità guardando alfuturo dobbiamo rinnovare ogni giorno la nostra vocazione, accogliendol’appello del Signore e l’invito che ci rivolge a partire in missione diospitalità, mettendosi al servizio dei più fragili, ha aggiunto ilSuperiore Generale rieletto il 26 gennaio per un altro mandato. Dobbiamo costruire e ricostruirecontinuamente le strade e i mezzi per rispondere alle sfide e ai bisogni chetroviamo di fronte a noi, affinché il nostro Ordine e la nostra FamigliaOspedaliera siano sempre pronti”.

 

"IlCapitolo che si sta per concludere è stata una ricca esperienza di universalità, di fraternità e di ospitalità, ha concluso Fra Jesús.E’ vero che le sfide sono molte, ma è anche vero che la grazia e il dono che ilSignore rinnova in noi ogni giorno ci daranno la forza di affrontarle. E’questo il punto fondamentale, non per rimanere bloccati su noi stessi o suinostri limiti, ma per vivere con entusiasmo e dedizione la nostra vocazione, alservizio della Chiesa di Gesù Cristo, secondo il nostro carisma e la nostramissione”.

 

Inquesti 24 giorni di lavori, sono state oltre 72 le proposte che sono statevotate dai capitolari la sera del 4 febbraio. Le differenze linguistiche,culturali e geografiche, sono state spesso al centro dei dibattiti, che sonostati facilitati dalla traduzione simultanea in ben 8 lingue. Trovare dellelinee d’azione comuni è stata quindi una grande sfida per i partecipanti alCapitolo, che vengono da più di 30 Paesi.

 

Questadiversità dell’Ordine si ritrova anche per quanto riguarda i visitatori chehanno seguito il Capitolo Generale sui mezzi di comunicazione. Sono state circa6.500 le persone che da 84 Paesi del mondo hanno consultato più di 66.000 volteil sito web che proponeva articoli, interviste, video e altre informazioni.

 

IlCapitolo si è concluso con la celebrazione dell’Eucaristia, e i 78 capitolarisi accingono a fare ritorno nelle proprie Province per vivere questa nuovapagina della storia dell’Ordine  con speranza e audacia, per le nuove stradealle quali il Signore ci invia”.

 

 

Copyright © 2019 Fatebenefratelli