Commissione Preparatoria

   

La Commissione incaricata della preparazione del prossimo CapitoloGenerale si riunisce per la prima volta a Roma dal 12 al 14 dicembre, pergettare le basi della redazione del documento che dovrà guidare i lavori delprossimo Capitolo Generale, definito come “l’espressione più profonda delcarisma dell’Ordine”, e che avrà luogo a Roma dal 14 gennaio al 5 febbraio2019.

 

Nel pieno rispetto delle Costituzioni del nostro Istituto, ilCapitolo Generale si tiene ogni sei anni, e riunisce i Confratelli in rappresentanzadi tutte le Province, per esaminare la situazione dell’Ordine, studiare eproporre nuovi modi di manifestare il carisma dell’Ospitalità, e per eleggereil nuovo Superiore Generale e il suo Consiglio.

 

Aprendoi lavori della Commissione, Fra Jesús Etayo ha ammesso che “due anni dipreparazione potrebbero sembrare troppi, ma è necessario preparare al meglioquesto Capitolo che non deve essere un Capitolo come gli altri, ma piuttostol’occasione per cambiare il nostro modo di lavorare e un’opportunità perguardare al futuro. Dobbiamo iniziare sin da ora questo discernimento, pregandoogni giorno per questa intenzione”. Il tema scelto per il Capitolo Generale del2019 è “Costruendo il futuro dell’Ospitalità”.

 

Difronte all’evidenza che le strutture dell’Ordine non rispondono più alla realtàattuale, Fra Jesús ha invitato i membri della Commissione (6 Confratelli e 3laici in rappresentanza delle diverse regioni dell’Ordine), a dar prova dicoraggio: “Questo Capitolo deve essere contrassegnato da un importanterinnovamento dell’Ordine, come quello che abbiamo vissuto nei Capitoli che sonoseguiti al Concilio Vaticano II. (…) Dobbiamo rivedere la nostra identità e lanostra missione, avere una visione generale dell’Ordine, stabilire i criteriche ci consentiranno di delineare una nuova visione per il nostro Istituto,sempre attenti a ciò che lo Spirito Santo si attende da noi”.

 

Appareevidente l’invito del Superiore Generale a tutto l’Ordine, Confratelli eCollaboratori, a fare un passo avanti, evitando l’immobilismo: “L’ospitalità haoggi – e lo avrà anche nel futuro – un forte impatto evangelico, carismatico esociale. Per questo, dobbiamo trovare nuovi modi e nuove forme affinchél’Ordine ritrovi la propria visibilità. Possiamo contare sull’esempio di SanGiovanni di Dio e di tutti coloro che ci hanno preceduti sul camminodell’audacia, per essere anche noi disponibili ad andare là dove il Signore cichiama”.

 

La Commissione Preparatoriadel Capitolo Generale 2019 si incammina dunque lungo questa strada, perdelineare e proporre ai Confratelli un’organizzazione e una metodologia chepermetteranno di discernere i criteri fondamentali di una nuova visione, invista delle nuove proposte che scaturiranno in sede capitolare.  

 

Copyright © 2017 Fatebenefratelli